Metodi dell’ingegneria per la riduzione dei costi industriali

DFMA (Design for Manufacturing and Assembly) e DTC (Design to Cost)

La valutazione e riduzione dei costi industriali è un tema di importanza strategica per tutte le aziende, in generale affrontato con precisione solo nelle fasi di messa in produzione, quando invece è fondamentale analizzare i costi già durante le fasi di progettazione (quando circa l’80% dei costi industriali viene di fatto già stabilito). Diviene quindi fondamentale adottare metodi di progettazione e strumenti dell’ingegneria idonei a stimare con precisione i costi industriali ed ottimizzarli sin dalle fasi iniziali del progetto.
Le metodologie Design for Manufacturing and Assembly (DFMA) di progettazione di componenti e sistemi in funzione dei processi di lavorazione e mirata alla semplificazione dei processi di assemblaggio e l’approccio Design To Cost (DTC) si basano sull’analisi dettagliata dei processi di produzione e consentono di prevedere l’impatto delle scelte progettuali sul costo di prodotto, al fine di identificare soluzioni dal minor costo di produzione che comunque garantiscano le prestazioni e i requisiti progettuali richiesti.
Il corso approfondisce queste tematiche ed offre una panoramica sugli strumenti da utilizzare per introdurre tali concetti all’interno delle imprese per una completa e consapevole gestione dei costi aziendali.
Il corso, articolato in 4 lezioni da 4 ore l’una in presenza, alterna ad una trattazione teorica l’analisi di casi studio industriali. In particolare, l’ultima lezione prevede una esercitazione di gruppo su un progetto specifico di riduzione costi attraverso l’adozione degli strumenti di DFMA e DTC illustrati nelle lezioni precedenti.

DESTINATARI
Product Managers, Operational Managers, Designers, Engineers, Cost Analysts, Responsabili Ufficio tecnico -R&D

OBIETTIVI
Il corso si pone l’obiettivo di:
– Analizzare la natura e la struttura dei costi industriali;
– Comprendere i concetti e le metodologie di Progettazione intregrata Prodotto-Processo orientate al costo;
– Analizzare l’impatto delle scelte progettuali sui costi di prodotto;
– Conoscere i principali metodi di DFMA;
– Definire azioni di riduzione costo basate sull’ottimizzazione del progetto;
– Conoscere e saper implementare le tecniche di DTC
– Confrontare diversi approcci e diversi strumenti per l’analisi dei costi in fase di progettazione.

DOCENTI
Prof. Ing. Margherita Peruzzini, Dipartimento DIEF – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Prof. Ing. Roberto Raffaeli, Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

 

SCARICA QUI LA BROCHURE DEL CORSO


Bando per il supporto ad INTERVENTI ENERGETICI E PREVENZIONE SISMICA DELLE IMPRESE

Il Bando si pone l’obiettivo di supportare gli investimenti verso l’efficienza energetica e la produzione di energia pulita, a basse emissioni di carbonio e a prezzi accessibili per l’autoconsumo, in sinergia con interventi atti a migliorare la prestazione sismica degli edifici in cui si svolgono le attività economiche.

 

SOGGETTI BENEFICIARI

  1. le imprese singole aventi qualunque forma giuridica;
  2. le aggregazioni di imprese, costituite nella forma di contratto di rete stipulato e registrato presso la CCIAA in data antecedente la data di presentazione della domanda;
  3. Soggetti giuridici iscritti al Repertorio Economico Amministrativo (REA);
  4. consorzi con attività esterne.

 

PROGETTI AMMISSIBILI

Sono ammissibili gli interventi finalizzati:

  1. alla riqualificazione energetica degli edifici nei quali si svolge l’attività del soggetto richiedente
  2. alla realizzazione di nuovi impianti di produzione di energia da fonti rinnovabili destinate all’autoconsumo del soggetto richiedente
  3. al miglioramento/adeguamento sismico degli edifici nei quali si svolge l’attività del soggetto richiedente

 

Gli interventi dovranno essere assoggettati alla richiesta di un mutuo bancario della durata di almeno 4 anni, per un importo pari ad almeno il 50% dell’investimento complessivo e con un tasso forfettario del 4%.

Gli interventi di cui alle categorie a) e b) devono essere suggeriti dalla diagnosi energetica, che dovrà essere allegata alla domanda di contributo. Gli interventi di cui alla categoria c) potranno essere finanziati solo se abbinati agli interventi cui alla categoria a) e/o b).

 

Dimensione minima progetti

50.000 €

 

Durata progetti

dalla data di presentazione della richiesta di contributo al 31 dicembre 2024.

 

SPESE AMMISSIBILI:

  1. fornitura dei materiali e dei componenti necessari per la realizzazione degli impianti e delle opere ammesse a contributo, relativamente alla riqualificazione energetica comprese opere edili strettamente necessarie alla realizzazione degli interventi ed oneri di sicurezza;
  2. fornitura dei materiali e dei componenti necessari per la realizzazione degli impianti e delle opere ammesse a contributo, relativamente alla produzione di energia da fonti rinnovabili, comprese opere edili strettamente necessarie alla realizzazione degli interventi ed oneri di sicurezza;
  3. opere a carattere strutturale, necessarie per conseguire l’obiettivo di miglioramento/adeguamento sismico, ivi inclusi oneri di sicurezza e opere edili strettamente connesse agli interventi strutturali oggetto di finanziamento;
  4. spese per progettazione, direzione lavori, collaudo e certificazione degli impianti (max 10 % della somma di A+B+C);
  5. spese generali (in misura forfettaria del 5% della somma di A+B+C+D).

 

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto nella misura massima del 25% delle spese ammissibili (comunque max 150.000 €) calcolato come segue:

  • 10% delle spese ammesse, elevabile al 15% in presenza di uno dei requisiti di premialità previsti dal bando (si veda scheda sintetica)
  • un importo pari al massimo al 15% della spesa ammessa, corrispondente agli interessi per il mutuo bancario che l’impresa dovrà richiedere per la realizzazione del progetto.

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

dalle ore 10:00 del 31 gennaio 2023 fino alle ore 13.00 del 22 febbraio 2023

Scarica la scheda del bando

 

Per ulteriori informazioni contattare:
Dott.ssa Giovanna Di Donato
Tel. 059 2058142    –    Cell 339 5001395
E-mail g.didonato@fondazionedemocenter.it


Bando per il SOSTEGNO ALL’IMPRENDITORIA FEMMINILE– REGIONE EMILIA ROMAGNA

Il presente bando ha l’obiettivo di sostenere lo sviluppo delle nuove imprese e delle imprese esistenti con prevalenza femminile nella propria composizione, favorendo la crescita dell’iniziativa imprenditoriale femminile.

 

SOGGETTI BENEFICIARI

PMI con sede legale e/o operativa in Emilia Romagna a prevalente partecipazione femminile, ossia:

  • imprese individuali in cui il titolare sia una donna;
  • società di persone e società cooperative in cui il numero di donne socie rappresenti almeno il 60% dei componenti la compagine sociale;
  • le società di capitali in cui le donne detengano almeno i 2/3 delle quote di capitale e costituiscano almeno i 2/3 dei componenti dell’organo di amministrazione.

PROGETTI AMMISSIBILI

Progetti a favore della crescita e del consolidamento dell’imprenditoria femminile volti ad aumentare la competitività e la qualità delle imprese gestite da donne, ed evidenziare, ove possibile, lo stretto legame tra le pari opportunità, il business aziendale e la qualità del lavoro.

Dimensione minima progetti
20.000 €

Durata progetti
dal 1° gennaio 2023 fino al 31 dicembre 2023

SPESE AMMISSIBILI

  1. Acquisto di macchinari e attrezzature, infrastrutture telematiche e digitali (compreso leasing o noleggio per il periodo di realizzazione del progetto);
  2. Acquisto di brevetti, licenze software, cloud e servizi applicativi o altre forme di proprietà intellettuale;
  3. Consulenze per l’aumento della produttività, l’innovazione organizzativa, il trasferimento delle tecnologie, la ricerca di nuovi mercati per il collocamento dei prodotti, studi di fattibilità e piani d’impresa, compresa l’analisi di mercato, studi per la valutazione dell’impatto ambientale, spese per campagne promozionali (max 30% della somma delle voci A+B)
  4. Opere murarie e relativi oneri di progettazione e direzione lavori per la realizzazione del progetto (max 5.000)
  5. Costi generali (5% della somma delle spese A+B+C+D)

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto nella misura massima del 50% delle spese ammissibili (comunque max 80.000 €) calcolato come segue:

  • 30% delle spese ammesse, elevabile al 35% in presenza di uno dei requisiti di premialità previsti (incremento occupazionale, progetto incentrato su recupero materiali o riduzione della produzione dei rifiuti, rating di legalità, localizzazione in Aree montane, Aree 107.3.C, Aree interne);
  • In caso di ricorso ad un mutuo bancario per il 50% dell’investimento: un importo pari al massimo al 15% della spesa ammessa corrispondente agli interessi per il mutuo.

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
dalle ore 10.00 del 24 febbraio 2023 alle ore 13.00 del 28 marzo 2023.

Scarica la scheda del bando

 

Per ulteriori informazioni contattare:
Dott.ssa Giovanna Di Donato
Tel. 059 2058142    –    Cell 339 5001395
E-mail g.didonato@fondazionedemocenter.it


Bando PER INVESTIMENTI PRODUTTIVI PER L’INNOVAZIONE DELLE IMPRESE – REGIONE EMILIA ROMAGNA

Il presente bando ha l’obiettivo di promuovere la competitività e la sostenibilità delle imprese manifatturiere e di quelle operanti nell’ambito dei servizi alla produzione tramite il sostegno a investimenti di carattere innovativo e sostenibile

 

SOGGETTI BENEFICIARI
PMI con sede legale e/o operativa in Emilia Romagna

 

PROGETTI AMMISSIBILI
Progetti per l’implementazione di tecnologie e sistemi finalizzati all’introduzione di innovazioni di processo, di prodotto, di servizio e organizzative

Dimensione minima progetti
50.000 €

Durata progetti
dal 1° gennaio 2023 fino al 31 marzo 2024

 

SPESE AMMISSIBILI:

  1. Acquisto, anche nella forma del leasing, di beni strumentali materiali – quali macchinari, attrezzature e impianti, hardware – e di beni immateriali e intangibili, quali brevetti, marchi, licenze, servizi cloud computing e know how;
  2. Realizzazione di opere murarie ed edilizie strettamente connesse alla installazione e posa in opera di macchinari, attrezzature, impianti e hardware (max 10% della voce A);
  3. Consulenze specialistiche per la realizzazione del progetto e per l’ottenimento delle principali certificazioni di processo e di prodotto (max 10% della somma delle voci A+B);
  4. Costi generali per la definizione e gestione del progetto, compresi costi per la presentazione e gestione del progetto nonché per l’addestramento del personale per l’acquisizione delle nuove competenze richieste dall’utilizzo dei beni acquistati (importo forfettario pari al 5% della somma delle spese A+B+C)

 

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto nella misura massima del 40% delle spese ammissibili (comunque max 150.000 €) calcolato come segue:

  • 20% delle spese ammesse, elevabile al 25% in presenza di uno dei requisiti di premialità previsti dal bando (si veda scheda sintetica)
  • In caso di ricorso ad un mutuo bancario per il 50% dell’investimento: un importo pari al massimo al 15% della spesa ammessa corrispondente agli interessi per il mutuo

 

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
dalle ore 10.00 del 7 febbraio 2023 alle ore 13.00 del 1° marzo 2023

Scarica la scheda del bando

 

Per ulteriori informazioni contattare:
Dott.ssa Giovanna Di Donato
Tel. 059 2058142    –    Cell 339 5001395
E-mail g.didonato@fondazionedemocenter.it


User eXperience e Design-Driven Innovation per l’Industria 4.0

Fondazione Democenter, in collaborazione con BSD Design e il Dipartimento di Ingegneria “Enzo Ferrari” dell’Università di Modena e Reggio Emilia ripropone l’iniziativa formativa “User eXperience e Design-Driven Innovation per l’Industria 4.0” con l’obiettivo di fornire conoscenze e metodologie approfondite su tutti gli aspetti legati alla progettazione dell’interazione Uomo-Macchina, fino al disegno dei servizi per l’Industry 4.0 approfondendo i metodi dello Human-Centred Design e Human-Centred Manufacturing, fino ai metodi e agli strumenti per la progettazione basata sulla User eXperience.

Il corso della durata di 28 ore prevede 5 sessioni di lezioni, 2 in presenza ad avvio e fine corso ciascuna di 8 ore in giornata intera e 3 on line in modalità sincrona (in diretta) ciascuna di 4 ore.
Le lezioni affiancheranno a trattazioni teoriche l’analisi di casi applicativi industriali, esercitazioni pratiche e nell’ultima giornata l’effettuazione di un tour virtuale presso il laboratorio XiLab dell’Università di Modena e Reggio Emilia che utilizza tecnologie di Virtual Reality.

Destinatari: Designers e Progettisti, Innovation Managers, Responsabili IT e Digital, Software Developer, Software Engineer

BROCHURE


MEDTRONIC MAKE XP Master Class – Un percorso di eccellenza per i futuri professionisti dell’Health Tech

Oggi al Tecnopolo TPM Mario Veronesi abbiamo ospitato gli studenti di MAKE XP Master Class, un percorso formativo di eccellenza promosso da MEDTRONIC e dedicato a un gruppo selezionato di laureati e laureandi in Ingegneria Biomedica interessati ad approfondire tematiche di rilievo nel mondo biomedicale e dell’Healthcare.

Dopo il tour dei laboratori, gli studenti hanno potuto incontrare le aziende del territorio nel corso di uno SPEED DATING realizzato insieme a Fondazione MaverX.

Con MAKE XP, Medtronic mira infatti a promuovere, in collaborazione con alcuni Partner di Open Innovation, l’acquisizione di competenze nelle principali discipline del mondo dell’Healthcare, per creare una community di futuri giovani professionisti che contribuiscano alla realizzazione di innovazione, non solo di prodotto ma anche di processo, di value proposition e di sistema, per rendere l’ecosistema Salute più sostenibile.

 


Tecnologie avanzate per il Surface Engineering di materiali di interesse industriale

La realizzazione di modifiche controllate delle superfici di materiali di interesse industriale costituisce una strategia efficace e consolidata per il conferimento di specifiche funzionalità orientate al miglioramento delle prestazioni meccaniche, tribologiche, ottiche, estetiche, bio-attive.

Questo approccio è favorito dalle sempre più raffinate tecnologie di fabbricazione, alla micro e nano-scala ed agli sviluppi nelle metodologie e strumentazioni analitiche.

Fondazione Democenter, grazie al supporto di docenti e ricercatori del Dipartimento di Scienze Fisiche Informatiche e Matematiche (FIM) e del Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari (DIEF) dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, propone una nuova edizione dello Short Master “Tecnologie avanzate per la SURFACE ENGINEERING di materiali di interesse industriale”, aggiornato nei contenuti e giunto alla quinta edizione.

L’iniziativa è di particolare e diffuso interesse per tutte le imprese del settore meccanico, ceramico, biomedicale e, più in generale, per tutte le aziende per le quali le caratteristiche delle superfici dei materiali incidono sulle funzionalità dei prodotti e dei processi.
Il Corso si articolerà in lezioni frontali seguite da esperienze di laboratorio, nelle quali i partecipanti potranno sperimentare direttamente esempi di modifica e caratterizzazione di superfici.

DESTINATARI
Progettisti di prodotto e di processo, Responsabili e tecnici dell’Ufficio Tecnico, Ricerca & Sviluppo, Controllo e assicurazione Qualità, collaudo, personale che operano presso studi di progettazione e ingegnerizzazione.

OBIETTIVI

Il corso si pone l’obiettivo generale di illustrare le tecnologie più avanzate per le modificazioni controllate di carattere morfologico, chimico e strutturale delle superfici dei materiali di interesse industriale, in particolare orientate all’implementazione di funzionalità quali:

– risposte tribologiche (es. riduzione/controllo di attrito, usura, adesione)

– alte prestazioni in ambienti specifici, ostili e aggressivi (es.: elevata durezza, resistenza al graffio, barriera anti-corrosione, barriera anti-microbica, barriera termica, biocompatibilità, idrorepellenza).

Approfondimenti specifici verranno dedicati ai benefici diretti dell’ingegneria delle superfici e della tribologia in chiave “green economy”, ovvero ad esempi di strategie di modificazione superficiale che possono contribuire al miglioramento della sicurezza di prodotti finiti, ad ottimizzarne le prestazioni in esercizio e a ridurne il consumo di materie prime e dell’impatto ambientale.

Verranno inoltre descritte in dettaglio le tecnologie e le strumentazioni che vengono utilizzate per le analisi di failure dei materiali, lo studio di rivestimenti funzionali e la realizzazione e la caratterizzazione di trattamenti superficiali.
Le trattazioni teoriche saranno accompagnate da esperienze di laboratorio presso i laboratori dei Dipartimenti FIM e DIEF.

DOCENTI

Prof. Sergio Valeri, Dipartimento FIM – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Prof. Alberto Rota, Dipartimento FIM – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Dr. Enrico Gualtieri, Dipartimento FIM – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia
Prof. Luca Lusvarghi, Dipartimento DIEF – Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia

 

SCARICA QUI LA BROCHURE DEL CORSO


Bando per il SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DELLE START UP INNOVATIVE 2022 – REGIONE EMILIA ROMAGNA

Il presente bando ha l’obiettivo di sostenere lo sviluppo e il consolidamento nel territorio regionale di startup innovative.

SOGGETTI BENEFICIARI
Micro e/o piccole imprese:

  • Iscritte alla “Sezione speciale in qualità di START UP INNOVATIVA” del Registro Imprese presso la CCIAA;
  • Con un’unità locale in cui si realizza il progetto in Emilia Romagna

PROGETTI AMMISSIBILI

Dimensione minima progetti

100.000 € (50.000 € per le imprese dei settori Industrie culturali e creative e Innovazione nei servizi)

Durata progetti
dalla presentazione della domanda fino al 31/12/2023

SPESE AMMISSIBILI:

  1. Acquisto o locazione/leasing di impianti e macchinari, acquisto e licenze di utilizzo di brevetti e di software. In caso di leasing o locazione, tali spese sono ammissibili limitatamente alle quote inerenti il periodo del progetto.
  2. Affitto/noleggio laboratori ed attrezzature scientifiche;
  3. Consulenze per progettazione, sviluppo, personalizzazione, collaudo e certificazione di soluzioni innovative, temporary management, supporto alla redazione del business plan, supporto ad analisi strategiche di mercato, supporto allo sviluppo di un piano industriale, supporto allo sviluppo di un piano di internazionalizzazione, collaborazioni a vario titolo, consulenze specialistiche
  4. Spese promozionali (max 15.000 €)
  5. Costi per personale dipendente, compresi i soci se con contratto di lavoro dipendente (max 10% della somma delle voci A+B+C+D)
  6. Spese generali (per un importo pari al 5% della somma delle voci A+B+C+D+E)

 

AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto pari al 40% della spesa ritenuta ammissibile, che può essere incrementato del:

  • 10% in caso di assunzione entro fine progetto di almeno 1 persona a tempo indeterminato full time
  • 5% in caso di una o più tra queste condizioni: localizzazione in aree montane, aree interne, aree 107.3.C, rating di legalità

Contributo massimo concedibile
150.000 €

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE
dalle ore 13.00 del 17 gennaio 2023 fino alle ore 13.00 del 17 febbraio 2023.

Scarica la scheda del bando

 

Per ulteriori informazioni contattare:

Dott.ssa Giovanna Di Donato
Tel. 059 2058142    –    Cell 339 5001395
E-mail g.didonato@fondazionedemocenter.it

Dott.ssa Cecilia Sgarbi
Tel. 059 2058160    –    Cell 347 0378698
E-mail c.sgarbi@fondazionedemocenter.it


Webinar, 21/11 | Startup pitch & Engagement

Webinar, lunedì 21 novembre dalle ore 17.30 alle 18.30

Come presentare la tua startup e convincere partner e investitori grazie alle regole del public speaking.

Insieme a Fabrizia Neri, esperta di coaching, change management, innovazione, creatività e leadership parleremo di:
– Public speaking. Arte e personalità
– Comunicazione e persuasione nel pitch
– L’abito fa il monaco: le slide
– Emozione, numeri e call to action
– 4 step fondamentali del pitch nell’epoca del GAME

Durante l’incontro verrà presentato il nuovo BANDO PER IL SOSTEGNO ALLO SVILUPPO DELLE START UP INNOVATIVE della Regione Emilia-Romagna.
A seguire sarà possibile fissare un appuntamento di approfondimento con Cecilia Sgarbi di D7 – Finance, la società di Fondazione Democenter specializzata in servizi di finanza agevolata.

LOCANDINA

Partecipazione gratuita previa registrazione obbligatoria al seguente link: https://bit.ly/3NWPQ0V


Bando PER PROGETTI DI RICERCA E SVILUPPO SPERIMENTALE – REGIONE EMILIA ROMAGNA

Il presente bando ha l’obiettivo di sostenere progetti di ricerca e sviluppo sperimentale che prevedono la realizzazione di nuovi prodotti, servizi o sistemi di produzione.

SOGGETTI BENEFICIARI

  • PMI: Singole o in aggregazione (contratto di rete); Consorzi con attività esterna; Soggetti giuridici iscritti al REA
  • GRANDI IMPRESE, solo in cooperazione con almeno una PMI e con l’obbligo di assunzione di almeno 1 ricercatore


PROGETTI AMMISSIBILI

Progetti per la realizzazione di nuovi prodotti, servizi o sistemi di produzione, attuati con il supporto degli organismi di ricerca e/o con i laboratori della Rete Alta Tecnologia per un importo minimo di 40.000 € (20.000 € per Industrie culturali e creative).

Dimensione minima progetti

  • 250.000 € per PMI singola o rete di PMI (125.000 € in caso di Industrie Culturali e Creative)
  • 500.000 € per GI in collaborazione con almeno una PMI (250.000 € in caso di Industrie Culturali e Creative)

Durata progetti

dalla presentazione della domanda fino al 31/12/2024


SPESE AMMISSIBILI:

  1. Ricerca contrattuale con organismi di ricerca e/o laboratori della rete, brevetti, sviluppo softwareconsulenze tecnico-scientifiche, spese per utilizzo di laboratori di ricerca o prova
  2. Acquisto/noleggio di strumentazione scientifica, impianti, acquisto di brevettisoftware (max 40% della voce A)
  3. Realizzazione fisica di prototipi (max 40% della somma delle voci A+B)
  4. Personale dipendente adibito ad attività di ricerca, progettazione, sperimentazione (max 20% della somma delle voci A+B+C)
  5. Spese generali (5% della somma delle voci A+B+C+D)


AGEVOLAZIONE

Contributo a fondo perduto pari a:

  • 45% per attività di ricerca industriale
  • 20% per attività di sviluppo sperimentale

Previste maggiorazioni:

  • del 5% in caso di progetti che prevedano collaborazioni con laboratori della Rete Alta Tecnologia dell’Emilia Romagna per un importo pari ad almeno 20.000 €.
  • del 10%, esclusivamente per le PMI, in caso di assunzione di almeno 1 ricercatore


Contributo massimo concedibile

  • 500.000 € per PMI singola o rete di PMI
  • 700.000 € per GI in collaborazione con almeno una PMI (250.000 € in caso di Industrie Culturali e Creative)


PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE

dalle ore 13.00 di mercoledì 1° febbraio 2023 alle ore 13.00 di martedì 28 febbraio 2023.

Scarica qui la scheda del bando

 

Per ulteriori informazioni contattare:
Dott.ssa Giovanna Di Donato
Tel. 059 2058142    –    Cell 339 5001395
E-mail g.didonato@fondazionedemocenter.it